Sei qui: > Home > Il Museo > Mostre in archivio > 2016 > Città fortezza: Trento 1915-1918

Città fortezza: Trento 1915-1918

10/07/2015 - 11/09/2016

Luogo: Trento - Le Gallerie

Piedicastello (TN)

Orario: Da martedì a domenica, ore 9.00-18.00. Chiuso il lunedì, il 25 dicembre e il 1° gennaio. Ingresso libero.

La Grande Guerra non risparmia nessuno.
Gli uomini sperimentano la morte di massa; la popolazione conosce i campi profughi, di internamento, viene militarizzata.
La mostra Città fortezza: Trento 1915-1918 racconta la vita di chi è rimasto a casa, ma vede cambiare completamente la geografia della sua città.

Quando il Regno d’Italia dichiara guerra all’Impero Austroungarico, il 24 maggio 1915, quasi 20.000 abitanti devono abbandonare Trento in soli tre giorni: al loro posto arrivano decine di migliaia di soldati da tutto l’Impero, pronti per raggiungere il vicino fronte.
Il percorso della mostra porta i visitatori in una Trento trasformata in un’enorme caserma, una città fortezza governata dai militari, dove gli edifici pubblici e privati sono usati come ospedali per i soldati e i cittadini rimasti vedono limitate le loro libertà, devono convivere con i soldati, I prigionieri, sono stretti dalla paura e dalla carestia. 

* Da martedì 17 novembre, sul canale History Lab (602) va in onda il programma "Città fortezza: Trento 1915-1918. La vita quotidiana dei civili in guerra"

***

Als das Königreich Italien am 24. Mai 1915  Österreich-Ungarn den Krieg erklärt müssen ungefähr zwei Drittel der Bewohner Trentos die Stadt verlassen; im Gegenzug treffen Zehntausende von Soldaten aus ganz Italien in der Stadt ein.
Die Ausstellungsbesucher lernen ein Trento kennen, das sich in eine gigantische Kaserne verwandelt hat, eine vom Militär regierte Festungsstadt, in der öffentliche wie private Gebäude als Militärkrankenhäuser benutzt werden. Die verbliebenen Einwohner erfahren die Beschneidung ihrer Freiheiten, sie müssen inmitten unter Soldaten und Kriegsgefangenen leben, eingeschüchtert und unter den Beschlagnahmungen der Behörden leidend.

*** 

When the Kingdom of Italy declared war on the Austro-Hungarian Empire on 24 May 1915, almost two thirds of the inhabitants of Trento had to abandon the city: their place was taken by tens of thousands of soldiers from all over the Empire.
Visitors to the exhibition will learn how the city of Trento was transformed into an enormous barracks, a fortress city governed by the military authorities, where public and private buildings were used as hospitals for soldiers; the remaining citizens saw their freedom limited and had to coexist with soldiers and prisoners, gripped by fear and subject to requisitioning by the authorities. 

***

Una mostra realizzata dalla
Fondazione Museo storico del Trentino

A cura di
Elena Tonezzer

Comitato scientifico
Quinto Antonelli, Davide Bagnaresi, Giuseppe Ferrandi, Elena Tonezzer 

Direzione artistica
CAM studio - Micol Cossali e Valentina Miorandi

Progetto espositivo
Weber+Winterle architetti

Progetto grafico della mostra e della promozione
A4 - Giancarlo Stefanati 

Coordinamento organizzativo
Roberta Tait

Allestimenti
Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale della Provincia autonoma di Trento
Squadra logistica e allestimenti della Fondazione Museo storico del Trentino

Percorsi di visita
Laboratorio di formazione storica della Fondazione Museo storico del Trentino

Si ringrazia per l'aiuto e la disponibilità
Archivio di Stato di Trento
Archivio storico del Comune di Trento
Biblioteca comunale di Trento
Laboratorio di storia di Rovereto
Museo storico italiano della guerra di Rovereto
Österreichische Kriegsarchiv Wien
Österreichische Nationalbibliothek Wien
Servizio cultura del Comune di Trento
Soprintendenza per i Beni culturali della Provincia autonoma di Trento

Giorgio Antoniacomi, Brunella Brunelli, Franco Cagol, Sergio Chini, Matteo Conci, Morena Dalle Mule, Marino Degasperi, Sandro Flaim, Nicola Fontana, Lorenzo Gardumi, Paolo Giovannini, Patrizia Marchesoni, Claudio Marconi, Fabio Margoni, Veronica Nicolini, Massimo Nicolussi, Luciano Palombi, Roberto Paoli, Alessandro Pedrotti, Francesca Rocchetti, Stefania Rosa, Alessandra Rossi Ranzi, Mirko Saltori, Luisa Spagolla Ranzi, Rodolfo Taiani, Fabrizio Tamè, Giovanni Terranova, Donatella Turrina, Caterina Tomasi, Anselmo Vilardi, Roberta Zuech.

 
 

Immagini

Informazioni

Fondazione Museo storico del Trentino
tel. +39 0461 230482
fax +39 0461 1860127
info@museostorico.it
Posta PEC:  info@pec.museostorico.it

Pubblicazioni correlate
Progetti correlati
Documenti correlati

torna a inizio pagina Aggiornato il: 21/06/2016 12:03