Sei qui: > Home > Il Museo > Appuntamenti > 2016 > La FMST al 64° Trento Film Festival: dal 28 aprile all'8 maggio 2016

La FMST al 64° Trento Film Festival: dal 28 aprile all'8 maggio 2016

28/04/2016 ore 14:00

Luogo: Trento - vari luoghi

Segnaliamo gli eventi proposti dalla Fondazione Museo storico del Trentino in occasione della sessantaquattresima edizione del Trento Film Festival (28 aprile – 8 maggio 2016):

Dal 28 aprile all’8 maggio 2016
Officina dell’Autonomia
Via Zanella 1/A – Trento
ore 14.30-18.00

ATTESA DOLOMITICA SUL FRONTE DELLA GRANDE GUERRA
Mostra fotografica di Fabio Pasini

“Attesa” è una mostra fotografica sui paesaggi del fronte dolomitico della Grande Guerra. È uno sguardo narrato con una cifra stilistica minimalista e una tecnica che riporta all’archetipo della macchina fotografica: il foro stenopeico.
Immagini scattate senza alcuna lente e nessun mirino, solo un piccolo foro attraverso cui la luce ha impressionato la pellicola, per cogliere, senza filtri, tutta la drammatica bellezza del territorio dolomitico, teatro involontario della prima guerra mondiale.

***

Domenica 1 maggio 2016
Sala conferenze della Fondazione Caritro
Via Garibaldi 33 – Trento
ore 11.00

Presentazione del libro

UN URLO DA SAN RAMON
La colonizzazione trentina in Cile 1949-1974
di Renzo Maria Grosselli
(Trento, Fondazione Museo storico del Trentino, 2011)

Giovanni Kezich dialoga con l’autore.
Il gruppo musicale La vecchia mitraglia accompagna l’incontro con alcuni brani di musica popolare cilena e italiana.

Il volume “Un urlo da San Ramon” ricostruisce la vicenda che condusse molte famiglie trentine a trasferirsi in Cile nella speranza, spesso delusa, di trovarvi condizioni di vita migliori.

***

Sabato 7 maggio 2016
Casa della SAT
Via Manci, 57 – Trento
ore 16.00

Presentazione del libro

LASCIAR TRACCIA
Scritture del mondo alpino
a cura di Quinto Antonelli e Anna Iuso
(Trento, Fondazione Museo storico del Trentino, 2015)

Saranno presenti i curatori.

Se il concetto di ‹ambiente scritto› è stato utilizzato in ambito paleografico per descrivere una specifica realtà urbana di antico regime ricca di segni e simboli, non di meno può essere impiegato per designare il più remoto territorio alpino. La montagna, infatti, contiene magmaticamente le tracce di generazioni di uomini e donne, che in questo volume abbiamo tentato di individuare, distinguere, classificare. È un mondo, quello alpino, in cui la scrittura è quasi onnipresente, ma non sempre evidente, perché celata dall’irraggiungibilità di alcune vette o dall’assuefazione dell’osservatore o dalla pregiudiziale cecità del viaggiatore. Erede degli studi sull’alfabetizzazione alpina, questo volume apre lo sguardo su tutte le forme di scrittura di cui la montagna sembra essere insieme l’origine, lo scopo e il supporto. Le storie che racconta, i segni che ci mostra, restituiscono un mondo che sin dai tempi più remoti ha utilizzato la scrittura come traccia del passaggio e strumento dell’esistenza, un filo rosso che fa della montagna, così come la conosciamo, un universo che la scrittura ha contribuito a rendere vivibile e pensabile.

Maggiori informazioni sul sito del Trento Film Festival.

Informazioni

Fondazione Museo storico del Trentino
tel. +39 0461 230482
fax +39 0461 1860127
info@museostorico.it
Posta PEC:  info@pec.museostorico.it

torna a inizio pagina Aggiornato il: 27/04/2016 11:37