Sei qui: > Home > Chi siamo > Informazioni > Novità e avvisi > Premio "Francesco Gelmi di Caporiacco" - I vincitori

Premio "Francesco Gelmi di Caporiacco" - I vincitori

29/06/2016

PREMIO LETTERARIO "FRANCESCO GELMI DI CAPORIACCO"
VII edizione - "Dialoghi / La narrativa come casa comune -

La giuria del Premio letterario «Francesco Gelmi di Caporiacco» - presieduta dall’insigne filologo, storico e saggista Luciano Canfora e composta da Edoardo Barbieri, ordinario di Storia del libro e dell’editoria presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Gianmario Baldi, direttore della Biblioteca civica “G. Tartarotti” di Rovereto, Brunamaria Dal Lago Veneri, scrittrice e critica letteraria, Franca Eller, bibliotecaria e critica letteraria, Paola Maria Filippi, docente di letteratura tedesca presso l’Università di Bologna, Enrico Franco, direttore del «Corriere del Trentino» e del «Corriere dell’Alto Adige» e Pierangelo Giovanetti, direttore dell’«Adige» - ha concluso i suoi lavori.

Sono state esaminate complessivamente 73 opere, di autori ed editori nazionali. Un lavoro non semplice, dunque, quello che ha atteso la giuria per raggiungere un accordo unanime sui vincitori. 

Nella sezione “Racconti” si è aggiudicato il primo premio di 3.000,00 euro Bozidar Stanisic con il volume Piccolo, rosso e altri racconti, Cosmo Iannone Editore. 

Nella sezione “Romanzi” la giuria non ha indicato un vincitore ma ha assegnato due premi ex-aequo di 1.500,00 euro cadauno a Laura Bocci, La seconda India, editore Manni e a Marino Magliani, Soggiorno a Zeewijk, Amos Edizioni. 

Nella sezione “Graphic Novel o Fumetto” la giuria ha ritenuto di non assegnare il premio. 

I premi speciali decisi dalla giuria secondo le indicazioni del bando vanno a:

Ana Kramar, Il ritorno. Storie migrabonde, Gilgamesh edizioni (Riconoscimento per la scrittura in italiano lingua seconda);

Melita Richter, Libri migranti, Cosmo Iannone Editore (Riconoscimento per il progetto editoriale)

Marco Forni, Una parola negli occhi, Edizioni Forme Libere (Riconoscimento per il miglior testo “a casa nella lingua”)

Alessandro Tamburini, Quel che so di Adonai, Pequad (Riconoscimento ad autori impegnati nel dialogo in favore della convivenza)

Wolftraud Schneider de Concini, Boemia andata e ritorno, Publistampa (Riconoscimento per opere ritenute meritevoli non presentate al Premio);

Eva Taylor, Carta da zucchero, Fandango (Riconoscimento per opere ritenute meritevoli non presentate al Premio).

Ad ognuno dei 6 autori segnalati verrà consegnato un premio di 1.000,00 euro. 

La cerimonia di premiazione si svolgerà a Trento lunedì 19 settembre ad ore 17.00 presso la Sala Grande del Castello del Buonconsiglio.

Informazioni

Fondazione Museo storico del Trentino
tel. +39 0461 230482
fax +39 0461 1860127
info@museostorico.it
Posta PEC:  info@pec.museostorico.it

torna a inizio pagina Aggiornato il: 12/09/2016 11:41