Sei qui: > Home > Chi siamo > Informazioni > Novità e avvisi > La storia e i nostri figli. Quinta edizione del Premio Letterario "Francesco Gelmi di Caporiacco"

La storia e i nostri figli. Quinta edizione del Premio Letterario "Francesco Gelmi di Caporiacco"

25/05/2010

L’Associazione culturale «Francesco Gelmi di Caporiacco», i giornali «l’Adige», «Corriere del Trentino» e «Corriere dell’Alto Adige» e la rivista di studi storici sull'età moderna e contemporanea «Archivio trentino» bandiscono la quinta edizione del Premio dedicato alla memoria di Francesco Gelmi di Caporiacco (1937-1996), editore e figura centrale del processo di rinnovamento e sviluppo della testata giornalistica «l’Adige» negli anni Ottanta/Novanta del secolo scorso.

Finalità del premio letterario
Finalità del premio è la promozione della scrittura creativa come strumento di comunicazione efficace e necessaria anche all’ambito giornalistico che la recepisce quale supporto mirato ad una funzione informativa che non rifugge da una dimensione affabulatoria, pur in presenza di tematiche complesse, e da un impegno civile rigoroso.

Temi della quinta edizione
Questa nuova edizione del Premio vuole richiamare l’attenzione degli autori e del pubblico su due argomenti di grande attualità e legati fra loro dalla dimensione del tempo, un ieri e un oggi che è anche il nostro domani: il racconto storico e il tema dell’infanzia.

Racconto storico
- Il racconto in forma narrativa di vicende ispirate a fatti, personaggi, processi, situazioni e contesti storicamente documentati, ma rivisitati liberamente, risulta una modalità compositiva assai praticata negli ultimi anni e accolta con interesse dal pubblico sia di lettori adulti che di giovani e giovanissimi, ai quali non di rado vengono proposte creazioni d’invenzione ad hoc.

Saggio sull’infanzia
- I bambini e i ragazzi mai come oggi paiono essere oggetto delle attenzioni del mondo degli adulti e dei media, anche se ancora troppo spesso non ne viene realmente colta la loro dimensione più autentica. Si chiede la scrittura di un saggio, un elzeviro, una breve trattazione che, bandita la dimensione autobiografica, prenda posizione con lucidità ed intelligenza sulla realtà di un mondo a parole amico dell’infanzia e nei fatti disattento, feroce, privo di sensibilità ed empatia.

 

La partecipazione
Al Premio possono concorrere singoli autori e case editrici. La partecipazione è libera e non è richiesto il versamento di alcuna quota di iscrizione. Sono ammesse al concorso opere edite nel triennio 2008-2010, di autori viventi italiani e stranieri. Le opere devono essere in lingua italiana e, se straniere, tradotte in italiano per la prima volta nel triennio 2008-2010.
Sono previste tre categorie
- Testi editi di narrativa storica: romanzi, racconti, novelle, opere teatrali, radiodrammi senza limiti di lunghezza. I testi editi potranno essere presentati dai singoli autori o dalle rispettive case editrici.
- Testi inediti di narrativa storica: racconti, novelle, opere teatrali, radiodrammi di non più di 60.000 caratteri spazi inclusi (preferibilmente in cartelle da duemila battute l’una, spazi inclusi).
- Testi inediti di saggistica aventi per oggetto temi legati all’infanzia di non più di 40.000 battute spazi inclusi (preferibilmente in cartelle da duemila battute l’una, spazi inclusi).

I Premi
Sono previste tre categorie di premi, per un ammontare complessivo di 15.000,00 (quindicimila) euro, così ripartiti:
Per la prima sezione, Narrazioni storiche edite, sarà premiata un’unica opera con un riconoscimento in danaro di 5.000,00 (cinquemila) euro.
Per la seconda sezione, Narrazioni storiche inedite, saranno assegnati un primo premio di 3.000,00 (tremila) euro e due secondi premio ex-equo di 1.000,00 (mille) euro ciascuno.
Per la terza sezione, Saggi inediti sull’infanzia, saranno assegnati un primo premio di 3.000,00 (tremila) euro e due secondi premi ex-equo di 1.000,00 (mille) euro ciascuno
La giuria potrà inoltre segnalare opere ritenute particolarmente meritevoli di tutte e tre le sezioni.
È inoltre previsto un riconoscimento simbolico alla casa editrice del vincitore della prima sezione.
Gli inediti premiati e segnalati sia della sezione Narrazioni storiche inedite sia della sezione Saggi inediti sull’infanzia saranno pubblicati dal giornale «L’Adige» e dalla rivista storica «Archivio trentino». Gli Autori saranno tenuti a fornire i testi in formato digitale.

La Giuria
La Giuria è nominata dal Presidente dell’Associazione Francesco Gelmi di Caporiacco e sarà composta da personalità di spicco del mondo della cultura. Il suo parere sarà insindacabile.
I nominativi dei componenti la giuria saranno comunicati a mezzo stampa e sul sito dell’«Adige» così come i titoli e gli autori delle opere pervenute.

Termini e norme di partecipazione
Gli autori e le case editrici interessati potranno aderire al Premio facendo pervenire i testi in sette copie entro le ore 17,00 del 30 dicembre 2010 a:
Premio Letterario
Francesco Gelmi di Caporiacco
c/o giornale «l’Adige»
via Missioni Africane, 17
38121 Trento

Per eventuali informazioni o precisazioni rivolgersi via e-mail a: premiogelmi@ladige.it
I risultati del Premio saranno resi noti entro il 15 marzo 2011, comunicati individualmente ai vincitori e pubblicati sul sito del giornale «L’Adige» www.ladige.it
La consegna dei premi avverrà nel corso della cerimonia di premiazione pubblica che avrà luogo entro 30 aprile 2011.
I lavori non saranno restituiti ma saranno conservati in uno specifico fondo dell’Associazione.
L’Associazione si riserva il diritto di utilizzare tutti i lavori inediti, in accordo con l’autore, nelle forme e nei modi che riterrà più opportuno.
La segreteria organizzativa declina ogni responsabilità in caso di smarrimento, furto, plagio e altro degli elaborati predisposti per l’invio.
La partecipazione al Premio implica di fatto l'accettazione di tutte le norme indicate nel presente bando.

Informazioni

Area Editoria e Servizi
Referente: Rodolfo Taiani
tel. +39 0461 264660
editoria@museostorico.it

torna a inizio pagina Aggiornato il: 08/11/2010 15:35